22.04.2021. By Caterina Russo

Da cinese accademico a cinese per il lavoro: 5 strategie indispensabili

Sei soddisfatto del tuo percorso accademico ma non ti senti ancora sicuro del tuo cinese? 

È arrivato il momento di scoprire come fare per migliorare il tuo cinese e portarlo ad un nuovo e più alto livello che ti renda competitivo nel mondo del lavoro.


Eccoti qui! Ben arrivato alla tappa obbligatoria del cammino di ogni sinologo disperato. Siediti pure e prenditi un attimo per rifocillarti, dopo tutta la strada che hai fatto te lo meriti di sicuro! 

Quando dico "strada" intendo il percorso accademico che ti ha portato fin qui. Dunque fammi indovinare… laurea triennale in lingue orientali e una specialistica in mediazione linguistica? No aspetta, forse tu sei più tipo da magistrale in interpretariato e traduzione? Oppure stai pensando ad un master? 

Qualsiasi sia la strada che hai percorso fin qui o le ragioni che ti abbiamo spinto fino a questo punto sappi che arriva per tutti, prima o poi, il momento di mettere a confronto gli anni di studio con il livello di conoscenza del cinese raggiunto.

Molti laureati come te pensano di avere un cinese inadeguato per inserirsi nel mondo del lavoro, ma in pochi hanno davvero gli strumenti per capire se questa sensazione sia reale o solo frutto di insicurezza.

Del resto, qui parliamo di un dubbio esistenziale, come si fa a rispondere a una domanda difficile come: quali sono i parametri per capire davvero se il tuo cinese va bene o no?

Quando sei all’università sicuramente puoi ricevere un feedback dai voti degli esami, oppure puoi decidere di prendere una certificazione HSK. Tuttavia, ti sarai accorto da solo, che questi criteri non sono affatto validi per valutare la tua preparazione reale ed effettiva per il mondo del lavoro.

Ecco le 3 risposte più diffuse a questo dilemma:

  • Rimandare questo interrogativo alla fine degli studi
  • Decidere di andare in Cina per migliorare la lingua 
  • Abbandonare il  cinese e fare altro


Escludendo l’ultimo caso, che immagino non sia il tuo dato che sei qui a leggere, nel primo e nel secondo caso il risultato sarà sempre lo stesso: il problema si ripresenterà ancora tale e quale, sarà solo rimandato nel tempo.

La verità è che lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle, partire per la Terra del Dragone senza un progetto chiaro e specifico può, sì aiutarti a sbloccare il tuo cinese e migliorare la tua capacità di comunicare con la lingua di tutti i giorni, ma non di certo a prepararti per lavorare con il cinese. Non se lo fai senza un progetto e degli obiettivi davvero chiari.

Se stai pensando a qualcosa del tipo: “è tutto inutile”, aspetta prima di chiudere questa pagina e guardare dall’altra parte e continua a leggere quello che ho da dirti.  

Per prima cosa è importante tenere a mente che di studiare il cinese non si smette mai.

Non esiste il momento in cui si infiocchetta un buon livello di cinese e ci si accomoda dietro ad una scrivania dimenticando per sempre toni e caratteri.

La certezza assoluta non si può comprare da nessuna parte e ci sarà sempre qualcosa di nuovo dietro l’angolo da sapere, da studiare o su cui aggiornarsi. Questo non significa che le tue incertezze rimarranno invariate, al contrario, se seguirai i consigli che ti darò scoprirai che nuove certezze prenderanno il sopravvento e tutta questa conversazione ti sembrerà solo un brutto ricordo. 

Cosa devi fare, dunque, per eliminare il senso di inadeguatezza? 

Apri bene le orecchie perché quello che sto per dirti ti suonerà un po’ insolito:

Tu  hai già in mano tutte le carte vincenti che ti servono per passare da un cinese “troppo accademico” ad un cinese adatto a diventare competitivo nel mondo del lavoro solo che non sai come giocarle e io sono qui proprio per questo. 

Ecco la ricetta in 5 punti per eliminare un pezzo alla volta il senso di inadeguatezza che accompagna te e il tuo cinese da subito.

Ti sento: non dire che inizi domani, no! Non funziona così, queste cose devi iniziare a metterle in pratica proprio adesso, appena hai finito di leggere. 

  1. La prima metà della mela del sinologo disperato: 10 minuti di ascolto al giorno tolgono l’ansia da comprensione di torno! Cosa ascolti? Che me ne importa! Ascolta qualcosa che ti aggradi, che ti interessi, prima coi sottotitoli (sì, pure in inglese all’inizio, ok), poi senza, fai una cosina graduale, fatta bene.
  2. Ti ricordi quello che hai ascoltato? Bravo. Ora prova a riassumerlo, in cinese, a parole tue e infilaci in mezzo quelle cose interessanti che ti sei appuntato mentre ascoltavi. Mentre parli, registrati e riascoltati, fa miracoli risentirsi per i toni, parola mia.
  3. La seconda metà della mela del sinologo disperato: dato che ci sei, altri 10 minuti dedicali a leggere in cinese, sempre qualsiasi cosa, come sopra e ripeti il punto 2.
  4. Te lo sei fatto qualche amico cinese nel frattempo? No? Bene, è il momento di farlo adesso. Sono 1,4 miliardi, ce ne sarà uno che vuole diventare tuo amico, no? Prova a cercare su SinologiDisperatiUnitevi, non si sa mai.
  5. Dimenticati le liste di 生词. Non fare quella faccia, hai letto bene. Niente più 生词, comincia (hai già iniziato con la strategia della mela in realtà) a imparare le parole che trovi nei loro contesti d’uso ed espressioni combinate, non parole singole a casaccio.

Cosa ne pensi? Te lo dicevo che sarebbe stato un po’ insolito, sono sicura che non ti aspettavi una risposta così “semplice”. 

Ebbene sì, ti sorprenderà ancor di più scoprire che seguire con costanza questi semplici consigli ti porterà a dei benefici immediati. 

Una volta che avrai acquisito la sicurezza che cercavi non dovrai fare altro che capire qual è il settore più adatto a te e specializzarti in quell’ambito.  

Se dopo aver provato le 5 strategie sentirai che non è ancora abbastanza o se non hai ancora individuato il settore che ti interessa e vorresti confrontarti con qualcuno che possa aiutarti a orientarti nel tuo percorso professionale con il cinese, ho una buona notizia per te.

Puoi attivare immediatamente una sessione gratuita di sino-coaching, l'unico percorso di orientamento professionale a misura di sinologo che ti permette di chiarirti le idee su quale Professionista del Cinese puoi diventare!

Richiederlo è semplicissimo e in breve tempo avrai accesso a:

  • 1 questionario studiato appositamente per i giovani sinologi
  • 6 email di consigli su misura per te e per la tua situazione attuale
  • 1 colloquio di consulenza sulla tua carriera professionale di 20 minuti con un esperto a cui potrai fare tutte le domande che vuoi e che ti indirizzerà verso la carriera dei tuoi sogni. 

Cosa stai aspettando?  Richiedi subito il sino-coaching!

 

 

Read 394 times Last modified on Saturday, 10 July 2021 17:12
Caterina Russo

Founder, Élite China Academy

Determinata, pragmatica e carismatica: questa sono io in 3 aggettivi. Da buona viaggiatrice ed esploratrice quale sono, sono sempre pronta a saltare su un aereo e vivere nuove avventure. Una di queste l’ho vissuta a Pechino, dove sono rimasta per 3 anni circondata da hutong e grattacieli. Da project manager per una grande azienda cinese, a professionista specializzata in internazionalizzazione d’impresa e management di progetti di cooperazione. Il mio segno particolare è il carico di determinazione e grinta che mi fa fissare obiettivi sempre più alti e tagliare sempre nuovi traguardi.