10.06.2021. By Sara Angelozzi

Come migliorare il tuo cinese senza andare in Cina

Sei bloccato in Italia e pensi di non poter migliorare il tuo cinese?

Ma andare in Cina è davvero la soluzione?

 

Non è ‘partire’ o ‘restare’ a fare la differenza ma è avere le idee chiare su quale sia il percorso più adatto a te e cosa fare per raggiungere obiettivi concreti.

Un soggiorno in Cina è sicuramente molto importante per comprendere la cultura della terra del dragone e per migliorare il cinese di tutti i giorni, purtroppo però andare in Cina non sempre è sufficiente ad ottenere un livello di cinese adatto al mondo del lavoro.

ma perché?

In questo articolo parleremo di quali sono i miti da sfatare e vedremo insieme come è possibile migliorare davvero il tuo cinese rimanendo in Italia o sfruttando al meglio il tuo soggiorno in Cina con China Professionals. 

Sono diversi anni ormai che studi cinese con dedizione e pazienza, tante le giornate trascorse a scrivere caratteri su caratteri, esercitarti con i toni e altrettante notti insonni a preparare esami per ottenere ottimi risultati. Quella che sembrava una missione impossibile sembrava quasi volgere ad un termine con la laurea e come se non bastasse hai anche deciso di sigillare il tutto con un buon livello HSK. Finalmente si vede la luce alla fine del tunnel! 

Quindi il cinese lo sai parlare, no?

Te lo chiedono in tanti e spesso te lo chiedi pure tu. La verità è che devi fare i conti con la cruda realtà: all’università si imparano le basi, più o meno bene, ma poi l’utilizzo concreto del cinese è un’altra storia, quello che hai in mano, infatti, è un cinese accademico e, se va bene, quotidiano, ma non un’arma adatta all’arena del mercato del lavoro.

 

Quando sei all’università nessuno te lo dice e tu continui a ignorare il fatto che stai solo rimandando il problema e alla fine ti ritrovi con una laurea in mano e tanti scomodi interrogativi come:

  • “Come faccio a lavorare con questo livello di cinese?”
  • “Ma al colloquio di lavoro mi chiederanno davvero se so chiedere indicazioni a un passante o informarmi sul prezzo di una maglietta?”

Non hai tutti i torti a chiedertelo perché non è una novità che quando ti troverai davanti a un HR durante un colloquio di lavoro ti sentirai insicuro del tuo cinese e solo a quel punto sarai costretto a guardare in faccia la realtà: quello che hai studiato finora non è sufficiente. 

Eh già, purtroppo il cinese accademico da solo non basta per lanciarsi nel mondo del lavoro.

Vᴀʙʙᴇ̀, ᴅɪʀᴀɪ ᴛᴜ, ᴀʟʟᴏʀᴀ ᴍᴇ ɴᴇ ᴠᴀᴅᴏ ɪɴ Cɪɴᴀ. 

Certo! Come affermano in molti una soluzione potrebbe essere quella di trascorrere un periodo in Cina, attento però perchè c’è anche il rischio che impari solo a ordinare il waimai, a chiamare i fuwuyuan e i chuzuche siji. 

Tutto molto utile senz’altro ma ahimé non è nemmeno questa la risposta che si aspetta un recruiter durante una selezione...

Infatti, passare un lungo periodo in Cina non equivale assolutamente ad avere un cinese a prova di recruiter. Sfatiamo subito questo mito: la Cina aiuta, ma non senza studio, impegno e pratica ma soprattutto NON senza degli obiettivi chiari in testa. 

Non mi fraintendere, non ti sto dicendo che andare in Cina a studiare la lingua sia perdere tempo né tanto meno che tu non abbia fatto abbastanza finora ma partire alla ricerca di un’ispirazione non è una mossa da considerare saggia perché credimi, sono davvero in pochi ad avere una rivelazione mentre sono immersi nell’eccitante vita in Cina.

Hey chiariamoci, non sono qui per smontare i tuoi piani, al contrario, nel caso in cui fossi intenzionato a partire sono qui per darti qualche consiglio su come sfruttare al massimo questo periodo per migliorare il più possibile la lingua e far in modo che quando tornerai ti sentirai più sicuro e arricchito di prima.

Allo stesso tempo, nel caso in cui tu non abbia la possibilità di partire sono invece qui per dirti di non preoccuparti, che il miglioramento della lingua è possibile anche rimanendo in Italia se trovi gli strumenti giusti per raggiungere obiettivi concreti. 

Ecco qui i 3 punti chiave da tenere in mente per realizzare il sogno di diventare un professionista del cinese dopo la laurea:

  1. Fare chiarezza su quelle che sono le figure professionali che lavorano con la Cina
  2. Individuare quella che più rispecchia il tuo lavoro dei sogni
  3. Acquisire le competenze linguistiche tecnico-specifiche per diventare competitivo nel settore che hai scelto.  

 

Come puoi vedere nessuno di questi punti esclude la possibilità di partire per la Cina ma nemmeno la propone come unica soluzione.

Infatti quello su cui vorrei farti ragionare è che partire può diventare davvero la scelta vincente solo se mentre fai le tue esperienze hai chiaro in mente cosa ti aspetta dopo così da essere pronto al mondo del lavoro quando i tuoi studi finiranno e non lasciarti sfuggire la professione dei tuoi sogni. 

Come ti dicevo prima, chiarirsi le idee sui tre punti è qualcosa che si può fare pur rimanendo in Italia e farlo ti servirà non solo a non sentirti svantaggiato/a rispetto a coloro che vanno in Cina consapevole che gli stessi obiettivi sono raggiungibili anche da qui, ma anche a non sprecare tempo prezioso e prepararti al mondo del lavoro con il Cinese. 

 ORA BASTA PARLARE!  È ARRIVATO IL MOMENTO DI AGIRE!

Se vuoi iniziare da subito a costruire la carriera dei tuoi sogni e imparare quello che all'università nessuno ti insegna: come lavorare VERAMENTE con il cinese è arrivato il momento di spuntare il punto n.1 dalla lista delle cose da fare.

Richiedi subito China Professionals, l’unico videocorso che ti spiega in modo preciso e dettagliato una per una le professioni a cui puoi ambire conoscendo il cinese e ti aiuta a completare la tua formazione professionale in modo concreto e orientato al lavoro.

China Professionals ti fornisce i consigli e gli strumenti utili per affrontare al meglio i primi colloqui di lavoro come un professionista del cinese guadagnando sicurezza grazie alle idee chiare sul futuro.

 

Cʜᴇ ᴄᴏsᴀ ᴀsᴘᴇᴛᴛɪ?

Scopri subito qual è il settore giusto per te e scopri come andare avanti per raggiungere il tuo obiettivo con China Professionals.

 

Noi ti aspettiamo!

 

Read 84 times Last modified on Tuesday, 25 May 2021 15:23
Sara Angelozzi

Sinocoach

Responsabile, Creativa e Curiosa: questa sono io in 3 aggettivi. Sono innamorata della lingua e della cultura cinese che mi hanno sempre accompagnata, anche quando ero nel Regno Unito a studiare. I miei segni particolari sono una spiccata empatia e tutti mi dicono che sono molto capace di motivare e consigliare gli altri. Sono anche molto competente quando si tratta di stabilire rapporti interculturali fecondi e la strada in cui so di fare la differenza è il Business con la Cina.