Élite China Academy

Élite China Academy

Il F&B è un settore molto affascinante e presenta diverse possibilità di inserimento lavorativo nell’ambito dell’export e dell’import per chi ha studiato cinese. Ma quali sono le possibilità di questo settore? Scopriamolo con Vincenza Caputo, una professionista che si occupa di import ed export con la Cina nel settore F&B.  

Ciao Vincenza, parlaci un po’ di te: qual è stato il tuo percorso per lavorare nel F&B?

Dopo la laurea in Relazioni Internazionali – Curriculum Cina e una prima esperienza lavorativa, ho deciso di specializzarmi in internazionalizzazione di impresa e in import e export grazie a un percorso di professionalizzazione in materia dell’ICE – Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane. Questa formazione mi ha consentito di iniziare a lavorare nel commercio internazionale e dopo un'esperienza lavorativa che mi ha portata a Milano e a Miami, dal 2018 lavoro ad Hangzhou per un’azienda che si occupa dell’importazione di prodotti F&B italiani in Cina e della loro distribuzione sia offline che online. 

Che tipo di azienda è e qual è il tuo ruolo in azienda? 

L’azienda, essendo una JV italo-cinese a maggioranza italiana, collabora con l’ufficio dell’azienda in Italia che si occupa della fase di acquisti e esportazione mentre noi in Cina ci occupiamo principalmente della fase di importazione e distribuzione sul territorio cinese. Inizialmente, nell’azienda cinese non vi era personale italiano, ma hanno poi deciso di assumere una persona italiana che facesse da ponte tra le due aziende. Quindi il mio ruolo è di coordinamento tra le due aziende sia per quanto riguarda gli acquisti e il processo di export e import, sia per quanto riguarda lo sviluppo delle strategie di marketing e di sviluppo commerciale dell’azienda. 

La tua formazione è stata sufficiente per poter lavorare in questo ruolo? 

Terminata l’Università, ho svolto un tirocinio nell’Ufficio Relazioni Internazionali del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali e durante questa esperienza mi sono resa conto di quanto la formazione ricevuta all’università fosse poco pratica e non molto utile lavorativamente parlando. Per questo, volendo svilupparmi professionalmente nel mondo dell’international business, ho deciso di intraprendere il Master dell’ICE in Internazionalizzazione d’impresa e export management. Infatti fare business con i clienti cinesi e dover a negoziare condizioni di vendita, contrattuali, di trasporto ecc. richiede una serie di competenze che vanno oltre la conoscenza linguistica. 

Il master dell’ICE che ho frequentato è stato quindi fondamentale per il mio percorso successivo, poiché è un corso di professionalizzazione che mira a formare Export Manager, cioè persone capaci di capire e gestire i diversi aspetti dell’esportazione e del contatto con il cliente estero, con competenze di economia internazionale, marketing internazionale, contruattalistica internazionale, logistica, procedure doganali, pagamenti internazionali e tutela del marchio ecc. Tuttavia non era un master incentrato sulla Cina e non erano previste lezioni sul mercato cinese e di lingua cinese. Quindi ho dovuto acquisire personalmente il linguaggio del settore e il gergo tecnico in cinese e alcune competenze più specificatamente relative al mercato cinese che ho poi approfondito sul campo nel corso della mia esperienza lavorativa. Sicuramente in questo settore e soprattutto negli ultimi anni, oltre a una buona conoscenza della lingua cinese, è necessaria una formazione specialistica e professionalizzante, che tenga conto anche delle peculiarità del mercato cinese.  

Lavorare in Cina è stata per te una scelta o una necessità? 

Quando mi è stata offerta la possibilità di venire a lavorare per quest’azienda ad Hangzhou, lavoravo già nell’Ufficio Commerciale e Marketing di un’azienda di Milano, e quindi per me lavorare in Cina è stata una scelta e non una necessità dettata dalla difficoltà di trovare lavoro in Italia. Infatti anche in Italia, nel settore dell’import ed export e nel F&B, se si è dotati di una professionalità, esistono opportunità di lavoro. Seppure è vero che il costo del lavoro è certamente differente tra Italia e Cina, anche le aziende italiane sono disposte ad investire quando una risorsa è formata e apporta valore all’azienda. Quindi vi sono possibilità lavorative anche per chi, a mia differenza, non voglia lavorare in Cina ma in Italia, l’importante è conoscere questo settore ed essere dei professionisti.   

Quali sono le possibilità di carriera in questo settore per chi ha studiato cinese?

In base a quanto ho avuto modo di osservare, esistono diverse possibilità sia in Italia che in Cina. In Italia sempre più aziende iniziano ad esportare verso la Cina e a sviluppare il proprio business verso il mercato cinese. Quindi nelle aziende italiane di F&B, a seconda della propria formazione e livello di esperienza, esistono diverse posizioni relative l’export verso la Cina: dall’assistente export/back office che si occupa della gestione degli ordini dei clienti cinesi e della preparazione della documentazione necessaria per le procedure di export e import (e conoscendo il cinese anche di traduzioni in cinese del sito, brochure, schede prodotto ecc. ), a quella del commerciale estero (Cina o più in generale Asia) che dall’Italia segue i clienti esteri con frequenti trasferte, a quella dell’Area Manager, soprattutto nelle aziende più strutturate, che opera sul mercato di riferimento. In Cina invece si può lavorare: come responsabile acquisti e import dall’Italia di aziende sia italiane, che cinesi, che internazionali; nel marketing per promuovere sul mercato cinese i prodotti enogastronomici Made in Italy e la cultura culinaria italiana della quale abbiamo una conoscenza che defirei “viscerale”; nel business development, sviluppando le vendite ai clienti cinesi; come coordinatori di uffici cinesi o le JV di aziende italiane, come nel mio caso; fino ad arrivare, dopo un po’ di esperienza, a lavorarci come General Manager o Direttore.  

Qual è il tuo consiglio per chi ha terminato la laurea triennale e vorrebbe lavorare in questo settore? Proseguire con una magistrale o fare un master?

Nel mio caso ho scelto di proseguire con la magistrale durante la quale ho approfondito la conoscenza del cinese studiando più di un anno in Cina e poi ho seguito un master professionalizzante. Per lavorare in questo settore, infatti, sono necessarie sia una buona base linguistica che competenze tecniche. Se però si vuole iniziare l’inserimento lavorativo in tempi più brevi, consiglierei di frequentare direttamente un corso di professionalizzazione dopo la triennale, continuando a coltivare le competenze linguistiche per proprio conto, o almeno di scegliere una laurea magistrale più improntata al business con la Cina e cercare di fare delle prime esperienze lavorative o di tirocinio già durante la magistrale.  

Quali sono i prodotti F&B da voi più importati? 

Uno dei prodotti con la maggiore quantità importata è la pasta, per il quale possiamo godere del Country-of-Origin effect, quindi il Made in Italy viene percepito come un vantaggio in termini di qualità dal consumatore rispetto a prodotti concorrenti di altri paesi.  

Un altro prodotto, ma più di nicchia, è il vino, che negli ultimi anni sta guadagnando quote di mercato anche se al momento l’Italia resta solo il quarto esportatore di vino verso la Cina. L’auspicio è che nei prossimi anni, anche grazie alle campagne di marketing e promozione in atto come il programma “I Love ITAlian Wines” dell’ICE, la quota del vino italiano in Cina possa raggiungere quella della Francia, che al momento è il primo esportatore di vino verso la Cina. Infatti, i vini francesi sono stati introdotti e promossi in Cina più di 30 anni fa, molto prima di quelli italiani e quindi godono di un maggiore riconoscimento rispetto ai vini italiani. Quindi, bisogna riuscire a spiegare al consumatore cinese che il vino italiano non è secondo per qualità a quello francese e che l’Italia, così come la Francia, ha una lunga storia e tradizione nella produzione di vino e che ogni anno si contende con la Francia il primato mondiale per produzione di vino.   

Quali sono i canali emergenti per la distribuzione di F&B in Cina? 

Come per la maggior parte dei prodotti, anche per la distribuzione dei prodotti alimentari le piattaforme di vendita online stanno assumendo un ruolo sempre più importante. Oltre alle piattaforme più note, come Taobao, Tmall e JD, ci sono anche piattaforme meno note come 拼多多PDD –Pingduoduo e gli e-shop di Wechat, e piattaforme di e-commerce transfrontaliero come Kaola 考拉海狗 e T-Mall Global国际天猫. Le vendite online in Cina continuano a crescere (+3.9% nel 2020 rispetto al 2019) con l’emergere, soprattutto in seguito all’epidemia covid, del fenomeno  dei live streaming 直播da parte di KOL e KOC (Key Opinion Leader e Key Opinion Consumer). Queste figure, specializzate in una categoria merceologica, godono della fiducia del consumatore e durante il live streaming presentano, provano e giudicano il prodotto, promuovendone la vendita online.     

 

Non perdere le prossime novità sul mondo del F&B con la Cina: presto lanceremo una serie di workshop dedicati al settore!

Non hai competenze di Business? non temere, puoi ottenerle in poco tempo e metterle in pratica con il nostro corso "Fare Business con la Cina senza Intoppi"!

Scoprilo SUBITO!

Wednesday, 17 April 2019 15:49

Tradurre la moda in cinese

Un’ardua missione non impossibile

Una settimana di formazione in ambito di alta moda si è appena conclusa, uno degli organizzatori, a fine lavoro, mi ha stretto la mano e ha detto: “Il fattore traduzione ha determinato la metà del successo di questa edizione del corso di formazione.”. A queste parole, avevo l’impressione che gli occhi si fossero già riempiti di lacrime di gioia. Una semplice frase che racchiudeva il cuore del nostro lavoro di Élite Simultanea: prima di ogni lavoro investiamo un’enorme quantità di risorse per prepararci al meglio mettendo in gioco tutte le nostre capacità per dare il massimo al cliente. Forniamo il miglior ponte per la comunicazione alle due parti coinvolte nel nostro servizio.

La preparazione fa la differenza

Alle volte, chi è estraneo al nostro settore non ha modo di comprendere appieno quale sia la differenza sostanziale tra noi interpreti di Élite Simultanea e tutti gli altri. Noi, oltre a correre come pazzi per apprendere il maggior numero di informazioni e conoscenze tecniche e specifiche possibili, abbiamo la tendenza a ricercare sempre e comunque la perfezione. Lo facciamo anche quando lavoriamo in settori per nulla semplici. Lo facciamo anche quando, prima del lavoro, non abbiamo che un titolo generico –come è successo per questo caso del corso di formazione– e nessun contenuto dettagliato, men che mai  materiale di riferimento per prepararci.

Gli interpreti e i traduttori sono eclettici e debbono mantenere intatta la loro sete di conoscenza. Bene, dunque decido che tutto quello che posso fare è iniziare dalla storia dei grandi marchi della moda. Dopo questi preparativi preliminari, diventa fondamentale essere molto attenti durante il lavoro e cogliere velocemente l’utilizzo di alcuni termini specifici. Nel farlo scopro, ad esempio, che “stylist” devo tradurlo in cinese come “colui che abbina i capi” (搭配师) e non come stilista/designer (设计师).

Evocare immagini con le parole

Le descrizioni utilizzate durante il corso sono molto dettagliate e pittoresche, fanno parte di quella categoria di concetti che non possono certo essere tradotti letteralmente. Bisogna ben comprendere le sensazioni che l’uso delle parole italiane trasmette e tradurre quello, non è compito facile. E qui entra in gioco la conoscenza della propria lingua madre e la capacità di costruire metafore e figure retoriche diviene imprescindibile.

Ad esempio, durante il corso sul pizzo, mi è capitato traducendo di dire:

Bisogna seguire l’andamento del pizzo per disegnare le pieghe, bisogna ascoltare la sua voce, comprenderne appieno la ragion d’essere…

beh, sono stata molto soddisfatta di me stessa. Gli studenti degli istituti di moda e belle arti si appassionano e amano le spiegazioni dei maestri. Questa volta la mia traduzione ha ottenuto la piena approvazione da parte degli organizzatori cinesi.

Il successo intramontabile della moda italiana è inseparabilmente legato al patrimonio artistico del Bel Paese.

Gli studenti cinesi durante il corso hanno chiesto spesso e volentieri come si possano comprendere le tendenze nella moda e gli insegnanti hanno risposto che la formazione artistica è fondamentale, per esempio, nel saper individuare gli elementi barocchi nella moda.

Beh, posso assicurarvi che per tradurre questo tipo di contenuti è necessario che l’interprete abbia una solida cultura generale; per non parlare di quando l’insegnante commentava un video con delle tecniche di cucitura, con un fiume di aggettivi e con le immagini che si alternavano molto velocemente. Non ho potuto far altro che ammirare la preparazione della docente e al tempo stesso iniziare a fare una vera e propria interpretazione simultanea per non rimanere troppo indietro.

Che dire, in sei ore di duro lavoro di traduzione al giorno, i momenti di edificante soddisfazione non sono mancati.

Tuesday, 08 January 2019 16:22

Al "centro" tavola con i cinesi

Questo articolo fa parte della serie #Atavolaconicinesi.

Leggendo Centro-Tavola sono sicura che moltissimi di voi avranno immaginato quei bei vasi pieni di fiori o di ogni altro bene possibile che le nostre mamme e le nostre nonne piazzavano al centro delle tavolate natalizie o dei giorni di festa.

Bene, toglietevelo dalla testa per un attimo e pensate, invece, al centro fisico di un tavolo. Tenetelo a mente e concedetemi una piccola digressione d’obbligo per spiegare perché la “centralità” sia così importante per i nostri amici cinesi a tavola, ma non solo.

Molti di voi sapranno, per sentito dire magari, che la parola stessa che indica la Cina, in cinese, significa “Paese o o Regno del Centro” anche se spesso “centro” lì viene tradotto con “mezzo” e la Cina diviene il “Paese di Mezzo”, ma tenete a mente che quel “mezzo” non deve essere inteso come “tra” ma proprio come “al centro”. Guardatelo quanto è carino il carattere che significa “centro” , lo vedete bene che il quadratino è esattamente posto al centro della linea verticale.

Nella tradizione cinese era credenza generale che la terra fosse un quadrato e che il cielo fosse un cerchio (tenete a mente anche il cerchio, dunque abbiamo un centro e un cerchio) e che l’ombra tonda che il cerchio del cielo proiettava sul quadrato della terra, dunque la zona “Sotto al Cielo” (天下 tiānxià termine ancora oggi utilizzato per indicare il mondo intero), corrispondesse esattamente al territorio occupato dall’impero cinese. Dunque la Cina era il centro, il cerchio nel quadrato, ai cui angoli rimanevano le terre barbare potenzialmente colonizzabili.

Bene, fine della digressione e torniamo al nostro centro-tavola.

Ora dovreste meravigliarvi ben poco se vi dicessi che i tavoli in Cina sono per lo più tondi e che il cibo viene posto tutto al centro e che dai piatti centrali tutti coloro che sono seduti intorno al cerchio attingono.

Un tavolo tondo come il Cielo, dunque. Al cui centro si pone tutto il cibo.

Questa è probabilmente la più grande differenza da tenere a mente quando siamo a tavola con gli amici cinesi. Loro non sono assolutamente abituati al nostro modo di avere ognuno suo piatto, con la sua pietanza dentro che ognuno mangerà singolarmente.

Il modo di mangiare dei cinesi è estremamente più improntato alla condivisione rispetto a quello a cui noi siamo abituati, per questo se li poniamo di fronte al menù del ristorante e ci aspettiamo che scelgano un primo, un secondo e un contorno, li stiamo mettendo in grande difficoltà, gli stiamo chiedendo di fare qualcosa che per loro è completamente estraneo.

E poi c’è il pericolo del gusto. “E se ordino un piatto di quelli che l’interprete mi ha appena tradotto e che non conosco assolutamente e poi non mi piace? Perderò la faccia io e la farò perdere anche al mio amico italiano.” Ecco cosa pensano mentre sorridono con aria imbarazzata ascoltando le traduzioni dei menù.

Cosa fare dunque?

pastedGraphic_1.pngTip d’Élite

Manteniamo la centralità

La scelta migliore perché i nostri ospiti cinesi mangino e non si sentano sotto pressione è quella di

ordinare noi più piatti diversi che vogliamo far loro assaggiare e metterli al centro del tavolo. Prendendo da lì si sentiranno meno sotto pressione e liberi di mangiare una quantità maggiore del piatto che preferiscono.

Continuate a leggere gli articoli della serie #Atavolaconicinesi per scoprire quali siano i piatti migliori da inserire in un menù per gli ospiti cinesi.

Saturday, 29 December 2018 16:21

A tavola con i cinesi

Quasi sempre accade che se c’è una delegazione di ospiti cinesi si debba pensare anche all’organizzazione dei pranzi o delle cene da trascorrere insieme.

Se ai livelli più alti e più ufficiali il problema si pone relativamente perché le cene ufficiali non prendono poi così tanto in considerazione i gusti degli amici stranieri, le cose cambiano radicalmente quando sono delle aziende o gli organizzatori di eventi più piccoli a essere alle prese con i menù per gli ospiti cinesi, soprattutto se le visite durano più giorni e quindi un maggiore numero di pasti va pensato.

Se c’è un aspetto che lega la cultura italiana a quella cinese è senz’altro l’importanza che viene attribuita al cibo e al vero e proprio rito del mangiare insieme, che sia in famiglia, con gli amici o per un incontro d’affari, per cinesi e italiani se ciò avviene davanti a un piatto pieno e con un bicchiere colmo sotto gli occhi, è sicuramente meglio.

Sedersi intorno a un tavolo con amici, colleghi, partner e familiari è dunque un punto di incontro tra due mondi diversi, ciò che cambia, però, sono le consuetudini che regolano questi momenti di convivialità e sicuramente sono anche i contenuti di quel piatto e di quel bicchiere.

Ai cinesi piace mangiare italiano o meglio portarli ai ristoranti cinesi? Ordiniamo un risotto e li facciamo contenti? Meglio portarli a mangiare carne o pesce? E la pizza, la mangiano? Meglio un menù fisso o farli ordinare alla carta?

Per aiutarvi a risolvere questi interrogativi esistenziali e di fondamentale importanza, abbiamo pensato alla serie di articoli che seguiranno questo. Raccontateci anche voi se avete avuto esperienze in merito e come le avete gestite utilizzando l’hashtag #Atavolaconicinesi.

Di questa serie fanno parte:

Saturday, 16 February 2019 16:18

Cosa mangiare con i cinesi

Questo articolo fa parte della serie #Atavolaconicinesi

Dunque abbiamo già stabilito che quando abbiamo degli ospiti cinesi e dobbiamo organizzare un pranzo o una cena seduti a tavola punteremo ad avere tutto il cibo al centro tavola e non chiederemo agli ospiti di ordinare una singola pietanza dal menù per non metterli in difficoltà.

Ma se siamo noi a dover ordinare, cosa sarà meglio scegliere?

La nostra esperienza di vita tra il mondo cinese e quello nostrano, la nostra conoscenza dei gusti dei nostri amici asiatici ci ha portato a riflettere su quali tipi di piatti della nostra cucina sia meglio offrire loro per far sì che, da un lato, gustino dei sapori della nostra tradizione e dall’altro riescano ad accettarli perché consistenze e sapori non si allontanano troppissimo dal cibo a cui sono abituati.

D’altronde è risaputo che uno dei maggiori punti di convergenza tra la cultura italiana e quella cinese è proprio l’importanza che sia noi che gli amici cinesi diamo al cibo, alla convivialità, al mangiare insieme, perciò non possiamo proprio permetterci di fare una brutta figura quando li invitiamo a mangiare.

Iniziamo quindi a entrare nel merito e a vedere dei principi generali da seguire sempre, per poi passare nello specifico ai piatti forti da ordinare e a quelli da evitare:

  • non ordinare mai riso. Vi chiederete: Ma come, i cinesi non sono quelli che mangiano sempre riso? Sì, è vero, ma aggiungerei c’è riso e riso e soprattutto c’è modo e modo di cucinare il riso. I cinesi trovano il nostro riso troppo duro, i risotti sono qualcosa di strano per loro. Se vi è mai capitato di mangiare riso in un ristorante cinese in Italia (e di questo parleremo nei prossimi articoli) saprete che il riso cinese è di solito a chicco lungo e sottile, viene saltato appena in padella con verdure, carne o gamberi o viene servito bianco come accompagnamento agli altri piatti, il concetto di riso immerso in una qualsiasi salsa è difficile da concepire per un cinese e sarà molto scettico a provarlo.
  • attenti alla “pasta”! Se per caso vi trovate a dover spiegare cosa state ordinando a un ospite cinese e lo provate a fare in inglese, state attenti al termine “pasta”! In cinese 意大利面,ovvero “pasta italiana” e di conseguenza l’inglese “Italian pasta” è diventato quasi sempre sinonimo di spaghetti, quindi se poi arriva un bel piatto di penne vedrete apparire un’espressione inevitabilmente delusa sul volto del vostro interlocutore cinese. Dovrete spiegargli che in Italia la parola “pasta” si applica a mille forme e mille colori … sarà meglio ci sia un interprete al vostro fianco!
  • non sottovalutate l’importanza delle salse. Qualsiasi piatto ordiniate cercate di tenere presente che i cinesi sono abituati a mangiare pietanze molto condite e speziate, soprattutto se si tratta di carne e pesce, i nostri ottimi piatti semplicemente grigliati (vedi bistecche, grigliate miste, pesce arrosto) non riceveranno grande accoglienza dagli ospiti asiatici.
  • non dimenticate la zuppa. I cinesi sono soliti avere almeno una zuppa a tavola, in parte ciò è dovuto al fatto che rispettando i dettami della medicina cinese (e a dire il vero anche la medicina occidentale è concorde) è bene non bere troppi liquidi durante i pasti, soprattutto è bene evitare bevande fredde, perciò i cinesi sono abituati a bere una zuppa o del tè caldo, ma difficilmente bevono acqua o altre bevande. Se possibile, ordiniamo una zuppa di verdura o di pesce, li faremo molto felici con poco.

Il nostro viaggio continua con “Cosa Bere con i Cinesi” e con gli articoli dedicati ai Piatti Forti e a quelli da Evitare.

 

Saturday, 22 December 2018 16:11

Cinalateo: cosa fare e non fare con i cinesi

I cinesi, si sa, sono strani. O forse no, forse sono solo diversi da noi. Forse è solo che vengono da un altro mondo. Un mondo che si scopre solo quando ci si avvicina a esso, per rendersi conto che, a nostra quasi totale insaputa, lontano da noi, ma poi nemmeno così tanto considerando che anche anticamente ci siamo quasi trovati a essere imperi confinanti …

Ricordo ancora, una lontana mattina di ormai 10 anni fa – mentre ero in piedi davanti a una bacheca elettronica in cui comparivano gli orari delle lezioni del mio primo giorno di università -vedendo apparire la scritta: “Lingua e Cultura Cinese I” di essermi chiesta: “Chissà se i cinesi scrivono ancora con i disegnigni?”

Ebbene sì, non ne sapevo proprio niente. La Cina e i suoi abitanti erano dei grandi sconosciuti per me, allora, un po’ come possono esserlo per voi, oggi. Per voi che dovete però incontrarli per affari o perché c’è in arrivo una delegazione ufficiale dal Paese di Mezzo. Non ne sapete niente, vi appaiono come degli enormi punti interrogativi e vi sentite sperduti nell’organizzare un evento a cui prenderanno parte questi misteriosi personaggi dagli occhi a mandorla.

Più e più volte sul lavoro mi e ci è capitato di sentire organizzatori di eventi e clienti stressati di fronte all’organizzazione di un pranzo, alla sistemazione delle persone intorno a un tavolo. Proprio di recente la responsabile di un evento mi ha confidato di aver provato di fare delle ricerche su internet per capire come fosse meglio comportarsi con i cinesi, ma non di aver trovato granché.

Ed è così che nasce il nostro Cinalateo.

Un vademecum di tutte le “cineserie”, di tutti quegli aspetti particolari che è bene considerare quando si interagisce con gli amici cinesi. Cosa è il caso di fare? Cosa è invece il caso di evitare? La mano, possiamo stringergliela? E a tavola cosa diamo loro da mangiare? Perché se non abbiamo portato il biglietto da visita ci guardano male?

Cercheremo di rispondere insieme a queste domande e a tante altre ancora sperando di aggiungere qualche altro mattoncino utile al ponte di collegamento tra Italia e Cina.

 

Sunday, 28 October 2018 16:03

L'importanza dei riti

“Se tu vuoi un amico addomesticami!” disse la volpe. 

“Che cosa bisogna fare?” domandò il piccolo principe.

“Bisogna essere molto pazienti”, rispose la volpe. “In principio tu ti sederai un po’ lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino…”  Il piccolo principe ritornò l’indomani.

“Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora”, disse la volpe.

“Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità. […] Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore… Ci vogliono i riti”.

“Che cos’è un rito?” disse il piccolo principe.

“Anche questa è una cosa da tempo dimenticata”, disse la volpe. “È quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un’ora dalle altre ore.”

Antoine de Saint Exupéry il Piccolo Principe

pastedGraphic_1.png

I riti sono importanti, uno dei quattro grandi classici della Cina antica è proprio il “Libro dei Riti” e se oggi non vi sono più i grandi rituali della Cina imperiale, tuttavia l’importanza che i gesti

rituali hanno per i cinesi è rimasta invariata.

Quando dico gesti rituali non intendo grandi cerimonie, bensì piccoli gesti quotidiani che per noi potrebbero essere insignificanti, ma che fanno la differenza quando ci troviamo di fronte a degli ospiti provenienti dal lontano est.

I riti di solito sono segno di rispetto reciproco e più si incontrano controparti cinesi di livello alto, più questi diventano fondamentali, alle volte noi italiani finiamo per fare delle figuracce non per volontà per semplice non-conoscenza di alcune piccole accortezze che possono, invece, farci guadagnare punti con gli ospiti cinesi.

Wednesday, 14 November 2018 15:53

L'importanza dei riti: i gradi e le gerarchie

I cinesi sono appassionati, per non dire quasi ossessionati, dalle gerarchie. In Cina in ogni azienda, per non parlare delle pubbliche amministrazioni, è sempre molto chiaro e cristallino il grado di ognuno e il rispetto per i superiori è fondamentale.

È molto importante, dunque, quando si organizza un evento e si invita un delegazione cinese, comprendere bene chi sia il più alto in grado della delegazione e ciò non vale solo per quelle ufficiali, ma anche per quelle aziendali e far sì che ad accoglierlo in Italia vi sia qualcuno di livello pari al suo.

Purtroppo succede che così non sia ed è spesso evidente, a noi che ci troviamo a far da ponti tra mondi diversi, la disillusione sul volto del capo cinese di turno quando si rende conto, dopo averlo chiesto molte volte, che non c’è nessuno di pari grado nella delegazione che ha di fronte. Ciò diviene quasi una offesa personale, perciò è fondamentale che vi sia sempre qualcuno di grado almeno pari a quello dell’ospite cinese nella delegazione che lo accoglie.

Quando ci si siede al tavolo negoziale è altresì importante che siano sedute una di fronte all’altra le persone con lo stesso grado delle due delegazioni.

Un secondo ordine di problemi sta nel fatto che alle volte due capi delegazione, uno cinese l’altro

italiano, possono avere le stesse mansioni, ma gradi diversi a causa della diversa organizzazione amministrativo-sociale dei due Paesi. In questo caso però sta all’interprete e noi di èlite simultanea, potendo contare sul nostro solido background culturale lo facciamo sempre, rendersi conto che nonostante i titoli siano diversi i due interlocutori uno la controparte dell’altro e mediare perché ne siano consapevoli.

Tip d’élite: far trovare al delegato cinese di livello più alto una sua controparte di uguale livello nella delegazione che lo accoglie.

Tuesday, 04 December 2018 17:47

L'importanza dei riti: il biglietto da visita

Se vi è mai capitato di incontrare per affari o a una conferenza un cinese, la prima cosa che deve avervi colpito di lui deve esser stata che, invece di darvi la mano e presentarsi, vi ha guardato, ha sorriso con aria anche lievemente imbarazzata, ha frugato nelle tasche e ne ha tirato fuori un biglietto da visita.

Ve lo ha poi passato, con due mani, ponendo le dita ai margini del biglietto, assicurandosi di non coprire le scritte e con il testo rivolto verso di voi (se ci ripensate, vi ricordate averlo visto controllare che la direzione fosse giusta, prima di allungare le mani verso di voi), non solo, sebbene sia cinese, vi ha dato il biglietto in inglese, solo dopo, probabilmente, vi sarete resi conto che il cinese c’era, ma era dietro.

Vi ha poi guardato, mentre lo prendevate e mettevate in tasca rimanendoci quasi male, poi ha atteso, ma voi, purtroppo, i biglietti ve li siete dimenticati a casa, oppure glielo avete dato, il vostro, con un sola mano, senza pensarci troppo e tutto in italiano … ma la cosa che vi ha colpito è che lui ha fatto finta di leggerlo uguale! Avete visto la sua espressione interessata guardare parole che, sapete bene, non ha idea di cosa significhino.

Perché lo fa? Perché lo scambio dei biglietti da visita è molto importante in Cina ed è un gesto veramente rituale a cui i cinesi, tutti, prestano grande attenzione. Cosa fare dunque per non sbagliare? Ecco i nostri consigli:

Tips d’élite: Dare un biglietto da visita

  • Portare sempre con sé il proprio biglietto da visita se si partecipa a un evento con degli ospiti cinesi; non dare il proprio biglietto quando si riceve il loro è considerato scortese.
  • Porgere il biglietto con due mani, tenendolo sui bordi e non coprendo le scritte;
  • Porgere il biglietto dal lato inglese (o cinese se per caso doveste averlo) con il testo rivolto verso la persona che lo riceve;
  •  Attendere che l’altra persona l’abbia preso, a sua volta con due mani , e sorridere con un lieve inchino del capo.

Tips d’élite: Ricevere un biglietto da visita

  • Ricevere il biglietto da visita con due mani;
  • Leggere il biglietto possibilmente con attenzione e magari fare un commento sulla posizione dell’interlocutore o semplicemente ripeterla ad alta voce;
  • Attendere prima di riporre il biglietto, se si è tavola, non poggiarlo sul tavolo, bensì, una volta letto, riporlo nel porta biglietti.
  • Non mettersi il biglietto della tasca dei pantaloni, al massimo in quella della giacca.
Wednesday, 20 March 2019 09:50

China Professionals: Speaker

Il panel di esperti presenti al nostro evento China Professionals: sfide e opportunità per lavorare con il cinese, tenutosi il 14 dicembre a Roma.

Durante l'evento sono stati discussi diversi settori professionali (Business, Luxury, Travel e Interpreting) in cui maggiori sono le opportunità lavorative per i giovani sinologi.

Page 1 of 3